Diritti. Legge contro l’omofobia

Voglio inaugurare questa sezione che da oggi si occuperà del tema dei diritti, causa un governo, come quello di Mario Monti, che ha visto la totale alienazione da questioni che ogni giorno segnano il nostro paese, dopo 20 anni di inefficienza della Seconda Repubblica. Perché non si vive di solo spread…

Nel 1993 in Italia fu emanata la cosidetta  legge Mancino che costituisce un’aggravante per i reati legati a discriminazioni razziali, etniche o religiose. Una legge deterrente a tutela di alcune minoranze a rischio aggressione, come ad esempio quella ebrea.

Causa tempo storico o causa democrazia cristiana – di cui era esponente il ministro Mancino da cui prende nome la legge – non fu inclusa la tutela della minoranza omosessuale, nonostante le proteste dei relativi movimenti. Oggi, però, dopo quasi vent’anni questa mancanza non è stata colmata.

Non è bastata l’istituzione del dipartimento delle Pari Opportunità e nemmeno un centro sinistra al governo per sei anni e mezzo complessivamente. La bocciatura nel 2011 del testo presentato da Paola Concia, unica parlamentare dichiaratamente omosessuale della XVI legislatura, sarà l’epilogo di quella che verrà più facilmente chiamata legge contro l’omofobia (e la transfobia). Sostenuta dal PD e dalle altre opposizioni, nonché dalla Ministra Mara Carfagna che voterà in maniera diversa dal Popolo della Libertà, sarà bocciata proprio dalla maggioranza di centro destra e dall’UdC, sollevano le pregiudiziali di costituzionalità. Insomma sarebbe divenuta discriminante per gli eterosessuali dato che gli omosessuali – e i “bi” e i “trans” – sarebbero stati rivestiti di più alta protezione. Come se fossero gli eterosessuali a essere pestati per strada o ad avere una storia talmente tormentata da essere stati sterminati nei campi di concentramento.

E nel resto del mondo?

L’Italia, come purtroppo normalmente accade al nostro paese, è indietro rispetto a molti altri Stati. L’aggravante per reati mossi da odio verso l’orientamento sessuale è presente – differenziando per aree geografiche – in:

Nordamerica: Canada e alcuni paesi degli Stati Uniti

Centro e Sudamerica: Nicaragua, Colombia e Uruguay.

Europa: Spagna, Portogallo, Francia, Belgio,Gran Bretagana, Irlanda, Islanda, Danimarca, Svezia, Norvegia, Grecia, Croazia, Romania, Estonia e Lituania

Oceania: Nuova Zelanda

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...