Monti piace a tutti. Ma attenzione al Berlusconismo

Solo la Lega Nord non gli ha dato la fiducia. Gli altri partiti si sono espressi tutti favorevolmente al nuovo governo Monti. Perfino l’Italia dei Valori, che sembrava abbastanza propensa ad andare subito al voto, o al massimo ad un governo che avrebbe dovuto solamente rivedere la legge elettorale, ha detto sì.

Un nuovo scenario. Sicuramente. Che ci fa respirare dopo anni di fallimentare berlusconismo politico. L’aria di rinnovamento però si baserà putridamente sui parlamentari eletti nel 2008. E stavolta i partiti funzioneranno da “partiti”, non da esecutori d’ordini governativi. Ragioneranno, proporanno, miglioreranno o peggioreranno i provvedimenti proposti dal governo Monti e, soprattutto, si riorganizzeranno in vista delle prossime elezioni che, al massimo, avremo tra un anno e mezzo.

Ebbene, tra questi partiti, tristemente mi tocca ricordare che ci sarà il Popolo della Libertà. Si, il governo Monti è appoggiato anche dal PdL. Dal partito di Berlusconi esattamente, che ora, quietamente, sembra messo all’angolo in modo da poter fare riacquisire charme al suo simbolo elettorale. Sommessamente sarà il volto di Alfano a proporre una finta innovazione. Berlusconi ogni tanto commenterà e, quando le misure del governo Monti diverranno impopolari, sarà pronto a rivendicare le sue non-misure. Il suo non agire. Sarà pronto ad addossare la colpa di tutto ai “democratici” e al Terzo Polo, magari convinti di essere i salvatori del Paese sostenendo il governo tecnico.

E allora Berlusconi riprenderà in mano la situazione mostrandoci come gli italiani siano stati devastati dalle misure di Monti.  Come accadde con il governo Prodi, dimenticandosi di aver governato l’Italia per 5 anni prima di passare il timone ad un centro-sinistra di durata poco più che annuale. E così la campagna elettorale avrà inizio. Probabilmente il PdL cambierà nome. Si rifarà il look. Ma rimarrà uguale nella sostanza e nella sua composizione. E non sapremo se, come oggi, tra qualche mese il vantaggio per la coalizione Pd-IdV-SEL sarà ancora del 10%…di una cosa siamo certi però: che Berlusconi sa ben fare le campagne elettorali.

Italiani, non dimenticatevi del passato. Il berlusconismo, quello culturale, non muore facilmente.

segui questo blog su AngeliSenzaDemoni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...