Colpa del Pd. Non dei Radicali

I Radicali si presentano al voto di fiducia verso Silvio Berlusconi e scoppia il caos nel centro-sinistra. La critica proviene soprattutto dal Pd, legittimamente anche, dato che i radicali fanno parte del gruppo parlamentare dei “democratici” (scusatemi, ma non posso che continuare a scrivere questa parola tra virgolette…).

Cosa è successo? Sostanzialmente i Radicali non hanno agito come tutte le altre opposizioni. Queste pensavano, infatti, di far saltare il numero legale per la votazione della fiducia al governo, azione che, comunque, non avrebbe portato a nulla se non ad un atto simbolico. I Radicali non hanno accettato queste condizioni, si sono presentati, fin dal discorso di Berlusconi alla Camera, e hanno votato comunque contro la fiducia. Oltretutto il numero legale sarebbe stato in ogni caso raggiunto.

L’unica cosa criticabile per lo storico gruppo parlamentare sarebbe perlopiù il non essersi mossi secondo le direttive del Pd. E quindi sarebbe un bene, per entrambi i gruppi, una divisione tra le due parti, dato, che già da un po’ di tempo, i primi stanno cercando una visibilità diversa da quella dell’area “democratica”.

Ma non posso fare a meno di focalizzarmi sul Pd stesso. La “5 legsilature Rosy Bindi” ha definiti i Radicali come “stronzi”, nonostante la loro decisione sia stata ininfluente. Bene, ecco…Rosy Bindi nel 2007, voglio ricordare, affermò che “è meglio che un bambino resti in Africa piuttosto che sia adottato da una coppia omosessuale”. Mi chiedo dunque se questa donna deve è compatibile con l’esistenza del Pd, di cui ne è addirittura Presidente dal 2009. Proprio in quel partito che dovrebbe essere l’alternativa a Berlusconi e, soprattutto, il punto di riferimento per l’elettore di centro-sinistra…

E per questo che l’unica strada che il Pd dovrebbe percorrere è quella di una forte riflessione prima di tutto su se stesso. E di soffermarsi sulla propria innaturale natura, piuttosto che sui Radicali.

Non posso che ricordare come siano proprio gli uomini del Pd i primi responsabili del voto di fiducia favorevole a Berlusconi che, durante il loro passato storico-politico, fatto di stessi volti e di stesse facce, mai hanno votato una logica legge sul conflitto di interesse nonostante avessero messo all’opposizione Berlusconi per ben due volte negli ultimi 18 anni.

Mi chiedo dunque perché dovrei credere che lo faranno la prossima volta. Quindi, caro Pd, pensa a te stesso, prima di criticare, tu proprio, i Radicali.

segui questo blog su AngeliSenzaDemoni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...